La bellezza non ha causa. Esiste. Inseguila e sparisce. Non inseguirla e rimane. Sai afferrare le crespe Del prato, quando il vento Vi avvolge le dita? Iddio provvederà Perchè non ti riesca. E.Dickinson

Bisogna riposarsi, ad un certo punto della vita occorre riposarsi e perchè no contemplarsi. Contemplare il miracolo dell’esistenza che si è dipanata dietro di noi.

Dove ci ha condotto, cosa ci ha insegnato? Il cammino, già il cammino, a volte doloroso, spesso faticoso ma che è stato un lento ritornare a noi è li davanti ai nostri occhi, cosa farne? Provare a condividerlo con gli altri per stupirsi di quanto i cammini si rassomiglino, è un passo, forse un tentativo.

Stare insieme,ricordare e abbandonarsi alle emozioni che stanno dentro di noi. Una pausa, un respiro che ci regaliamo consentendoci di sperimentare territori nuovi, inesplorati. Il silenzio che si fa colore. Il respiro del corpo diventa respiro dell’anima. Le parole lette o raccontate che ci guidano verso i ricordi e le emozioni e dipingerle, sentendole uscire da noi, il guardarle che diventa sollievo.

Così senza dover riprodurre tecnicamente il mondo esterno ci si sente in qualche modo svincolati dal timore di non possedere “capacità tecniche” adeguate, il coraggio di provare a fare qualcosa di cui non ci si sente all’altezza diventa una sfida che ci conduce a scoprire i nostri talenti, a qualunque età ed in qualunque momento della vita.

VISUALIZZA LE DATE DEI CORSI